A Gianni Garrucciu l’Arciere d’oro del Panathlon di Sassari

Il sindaco di Sassari, Nanni Campus (al centro) e il presidente del Panathlon Sassari, Marcello Sassu (a destra), consegnano l'Arciere d'oro al giornalista Gianni Garrucciu (a sinistra)

Venerdì 9 luglio 2021, alla presenza delle autorità cittadine, nella sala convegni del Comando della Polizia Municipale il giornalista Gianni Garrucciu è stato insignito dell’«Arciere d’oro», il premio nato nel 1977 da un’idea dell’allora presidente del Panathlon International di Sassari Giuseppe Melis, ideato per diffondere i valori etico-sociali che nobilitano il mondo dello sport. Quella di quest’anno è stata la 27° edizione del premio.

L’ambito riconoscimento è rappresentato da una statuetta raffigurante un arciere nuragico teso nello sforzo di far scoccare la freccia,  un simbolo che significa impegno e disciplina, valori alla base dello sport e della vita.

La commissione incaricata all’assegnazione dell’Arciere ha scelto tra una rosa di persone meritevoli per l’impegno profuso nella loro carriera a favore della diffusione dei valori dello sport e della cultura del rispetto e della non violenza.

  • Questo l’albo d’oro dell’«Arciere»:
    1977    Alessio Cassano
    1978    Mario Bossalino
    1979    Otto Sussarello
    1980    Giuseppe Melis
    1981    Oreste Macciocu
    1982    Nino Bianchina
    1983    Domenico Fracassi
    1984    Peppino Tanti
    1985    Mario Canopoli
    1986    Gianfelice Pilo
    1988    Umberto Serradimigni
    1990    Enrico Mollica
    1992    Antonio Oggiano
    1994    Franco Di Suni
    1996    Franco Sieni
    1998    Dino Siddi
    2000    Antonio Polano
    2002    Nino Guidi
    2004    Antonio Carta
    2006    Angelo Vitiello
    2008    Armandino Branca
    2010    Uccio Magliona
    2017    Leonardo Marras
    2018    Paolo Poddighe
    2019    Rosanna Baiardo
    2020    Sergio Milia
    2021    Gianni Garrucciu

Coronavirus: la sofferenza di un sacerdote sardo in un racconto di Gianni Garrucciu

Don Piero Paulesu

“Quel giorno affacciato al balcone”, la storia di
don Piero Paulesu e il suo magistero in tempo di Covid

  
Coronavirus: la sofferenza di un sacerdote sardo diventa un racconto del giornalista Gianni Garrucciu, selezionato per un’antologia destinata alle ambasciate e agli istituti di cultura italiana nel mondoLa storia di don Piero Paulesu, il neo-vicario parrocchiale di Thiesi e Torralba, diventa un racconto che il giornalista Gianni Garrucciu – l’autore del libro “Fame” che si avvale (tra le altre) di una conversazione con Papa Francesco e con il neo-Nobel per la Pace David Beasley – ha scritto per l’Antologia dal titolo “Domani è un giorno nuovo”, della Ibiskos-Ulivieri Edizoni. L’antologia raccoglie una serie di racconti e poesie di scrittori e giornalisti che hanno voluto raccontare storie ed emozioni dei momenti più difficili vissuti durante la terribile emergenza del coronavirus. “La storia di don Piero mi ha subito colpito”, racconta Garrucciu, “sia per la singolarità della vicenda, sia per la partecipazione emotiva che l’hanno contraddistinta. C’era sofferenza fisica nel racconto di don Piero, ma c’erano anche la speranza e la voglia di vivere. Mi è sembrata una vicenda che meritava di essere conosciuta”. Don Piero Paulesu all’inizio dell’anno si trovava in un collegio romano per terminare i suoi studi, quando una mattina è stato svegliato da un forte trambusto e da una brutta notizia: “Nel corso della notte era morto un nostro compagno”, dice. “Era stato poco bene con la febbre alta e altri sintomi. Veniamo tutti trasportati al pronto soccorso dove ci prelevano il sangue e ci fanno il tampone. Lunghe ore di attesa e poi la sentenza: siamo tutti positivi, ma non siamo gravi. Però siamo ventotto su trentadue: non è poco. Veniamo trasferiti in una vicina struttura alberghiera”.Comincia un calvario che dura due mesi, fatto di incertezze, di solitudine e di speranza. Racconta don Piero: “Nell’angoscia attendevo il responso del mio quinto tampone. Ne ho fatti quattro, tutti positivi. Attendo. E in questa attesa che sa di inquietudine, di vita sospesa, ma anche di fiducia, non riesco a dormire. Esco in terrazzo, è il mio unico sfogo. È la mia finestra sul mondo. E in questo mondo silenzioso, dove tutto è davvero sospeso, dove le luci illuminano un selciato freddo e isolato compare lui, il mio primo compagno dopo tanti giorni di solitudine: è un geco. Sì, un geco! Proprio un geco alla vigilia del risultato del mio ultimo tampone. Sì, sono un po’ superstizioso. Eppure, so che questo piccolo rettile che molti respingono e disprezzano è considerato un animale sacro. Per gli indigeni australiani rappresenta il valore dell’adattabilità, perché è un animale che sopravvive alle difficoltà, che si adatta a ogni situazione”. Gianni Garrucciu non si fa scappare questa vicenda, e ci costruisce intorno il racconto selezionato per l’Antologia “Domani è un giorno nuovo.”(b.n.)

(Prima Pagina News) Mercoledì 25 Novembre 2020

“Azione contro la Fame” premia il libro di Garrucciu

MILANO, 13 novembre 2020. Nuovo riconoscimento internazionale per “Fame, una conversazione con Papa Francesco” di Gianni Garrucciu, cui va la menzione d’onore alla prima edizione del premio letterario “Azione contro la Fame”. Action Against Hunger è un’organizzazione umanitaria globale nata in Francia negli anni ’70 e impegnata a porre fine alla fame nel mondo L’organizzazione aiuta i bambini malnutriti e fornisce alle comunità l’accesso all’acqua potabile e soluzioni sostenibili alla fame. Il premio letterario si pone l’obiettivo di promuovere una nuova presa di coscienza su fame e malnutrizione. In giuria la senatrice Emma Bonino, tra i primi attivisti che negli anni ’70 posero le basi per la nascita dell’organizzazione, e numerose personalità del mondo della cultura e della letteratura che hanno costituito la giuria.

Questa la motivazione: “Fame, è un libro che appare in tema con la grande sfida accolta, negli anni ’70, da Azione contro la Fame. Il testo racconta di una ferita ancora aperta: la fame e la denutrizione. Garrucciu ha delineato, in modo puntuale, una questione cui l’uomo non può non porre rimedio per il bene dell’umanità.

Se vuoi seguire la trasmissione di Repubblica Tv dal BookCity di Milano e il Premio Libro contro la Fame con Emma Bonino, clicca QUI

La Nuova Sardegna

A Gianni Garrucciu il premio Books for Peace 2020

Al libro “Fame, una conversazione con Papa Francesco“, scritto da Gianni Garrucciu per le Edizioni San Paolo, va il premio Books for Peace 2020.
Il lavoro del giornalista sassarese si è classificato al primo posto nel settore saggistica. Il riconoscimento è stato consegnato all’autore nel prestigioso teatro dell’Accademia di Santa Cecilia a Roma.
Tra le motivazioni quella di essere “un libro forte, che racconta con durezza, precisione, dati e storie, un tema mondiale come la fame nel mondo: un libro che ha saputo dare volti e voci agli allarmanti numeri che si celano dietro una delle più gravi pandemie che affliggono il pianeta”.
Il Books for Peace è un premio alla cultura e alla vita, assegnato alle persone che si prodigano con umiltà e perseveranza per la pace nei popoli.